Domenica, 23 Settembre 2018

CULTURA

CULTURA (887)

Latest News

Sant’Angelo le Fratte, “Corti in Cantina” 2018: ecco i nomi di tutti i premiati

Sabato, 11 Agosto 2018 12:34 Written by

Si è tenuta mercoledì 8 agosto nella piazzetta antistante la sede comunale di Sant’Angelo le Fratte la settima edizione della rassegna cinematografica di cortometraggi lucani “Corti in Cantina”, ormai appuntamento consolidato di cinema estivo in Basilicata.

Chitarra indiana tipica: qual è, e come si suona?

Mercoledì, 08 Agosto 2018 09:11 Written by

Quando si parla di chitarra indiana ci si riferisce alla Mohan Veena, che ha preso il nome dal suo inventore, negli anni Sessanta. Per suonarla, tuttavia, si usava la stessa tecnica della Vichitra Vina, risalente a tempi più antichi. Vediamo nello specifico di cosa si tratta e quali sono le sue caratteristiche.

La Vina

Prima di descrivere la chitarra indiana, è bene saperne di più sulla Vina, uno dei più antichi strumenti indiani, discendente del sitar ed antenato della chitarra di Veena, la cui origine potrebbe risalire verso l'anno zero, lo stesso periodo in cui è stato scritto il Nātyaśāstra, un trattato sulla musica, la danza ed il teatro, dove viene menzionata. Questo strumento rientra nella famiglia dei liuti, ed è lungo circa 150 centimetri, ed è caratterizzata dal manico e dalla zucche svuotate. Se ne possono distinguere tre tipi:

  • la Rudra Vina, che possiede sette corde che si accordano sulla parte sinistra;

  • la Saraswati Vina, anch'essa da sette corde, ma che si accordano sulla destra, e sia questa che la Rudra provengono dalla parte meridionale dell'India;

  • la Vichitra Vina, conosciuta anche come “strana Vina”, è priva di tasti e si suona in orizzontale, utilizzando delle palle di vetro o delle pietre nella mano sinistra, per pizzicare le corde.

 

Le caratteristiche della Mohan Veena

La Mohan Veena a prima vista ricorda molto la chitarra europea, ma si differenzia per le sue corde, sia per quanto riguarda il suo numero che le sue accordature. A quelle per la melodia, se ne possono aggiungere altre due, chiamate chikari, che permettono di sostene il ritmo dell'esecuzione. Ad averla realizzata è stato il musicista indiano Vishwa Mohan Bhatt, nel 1968, ed oggi è una delle chitarre più suonate in Asia centrale. Come per la Vichitra Vina, per pizzicare le corde devono essere usate degli oggetti duri, che possono essere realizzati in pietra, in vetro o in metallo. Per suonarla, occorre appoggiare la chitarra in grembo, portando il manico verso la sinistra.

Il sitar

Il sitar è la più celebre delle chitarre indiane, originaria dell'India settentrionale, utilizzata ancora oggi ed ispirandosi ad essa sono state costruite le chitarre sopracitate (qui trovi maggiori info su questa chitarra indiana). La sua cassa armonica ha una forma sferica, che ricorda una zucca tagliata per metà, il che gli permette di avere una buona risonanza, e le sue corde vengono definite Corde degli dei. Questo strumento è diventato popolare in Europa e in America in pieno movimento New Age, tra gli anni Sessanta e Settanta (stesso periodo in cui è nata la chitarra indiana), e sono stati musicisti famose, come George Harrison dei Beatles, a renderla popolare. In Italia, Aldo Tagliapietra l'ha usata per il suo brano La ruota del cielo, che faceva parte dell'album L'infinito, uscito nel 2004. In poche parole, le chitarre indiane ci possono far pensare agli anni Sessanta e Settanta, quando nascevano nuovi movimenti giovanili ed era in voga il New Age, la cui cultura comprendeva anche la conoscenza della filosofia, di alcune tecniche di meditazione e della musica orientale, sinonimo di uno stile di vita più semplice e sano, quindi non si poteva non rimanere affascinati dalle chitarre indiane.

 

 

ENFOR - Ente di Formazione e Ricerca – di Policoro è accreditato presso il Miu

Venerdì, 03 Agosto 2018 10:02 Written by

L’ENFOR - Ente di Formazione e Ricerca - di Policoro ha di recente acquisito un nuovo ed importante traguardo: l’accreditamento presso il MIUR – Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, secondo quanto disposto dalla Direttiva Ministeriale n.170 del 21/03/2016.

Dove al Sud? Nasce il blog: passeggiate, viaggi e selfie consigliati da Daniele e Daniela

Martedì, 31 Luglio 2018 15:11 Written by

Da piccoli volevano cose diametralmente opposte: Daniele voleva fare il pompiere, invece Daniela no, assolutamente. Da grandi però, oltre a condividere al vita affettiva, hanno deciso di aprire un blog: “DOVEalSUD. Già, cosa fare, cosa vedere, quale spiaggia frequentare qui nel Mezzogiorno del Paese? Un progetto ambizioso e che – assicurano i protagonisti – crescerà e si arricchirà di contributi. Anzi, di “passeggiate, viaggi e selfie consigliati” da Daniele e Daniela.

Popular News

LUCANIA FILM FESTIVAL: il programma completoSaranno i film gli assoluti…
"Acquario", cortometraggio d'esordio del regista toscano Lorenzo Puntoni, figura tra…
Valsinni- Cultura e territorio, due termini, un binomio di grande…
Quando si parla di chitarra indiana ci si riferisce alla…

LUCANIA FILM FESTIVAL 2018: il programma completo

Lunedì, 30 Luglio 2018 10:05 Written by

LUCANIA FILM FESTIVAL: il programma completo
Saranno i film gli assoluti protagonisti della prima giornata di lavori del Lucania Film Festival, in programma dal primo agosto.
Le proiezioni delle opere in concorso avranno inizio dalle 17.30 e dureranno fino alle 23.00 circa, suddivise nelle varie sale di proiezione installate nel Cineparco Tilt di Marconia di Pisticci che ospita l'evento ideato e prodotto da Allelammie.
Il programma di proiezioni è stato ripartito in sei sezioni competitive nelle quali, come da tradizione, trovano notevole spazio i cortometraggi. I lavori short sono stati suddivisi in Animazione, Fiction, Documentari e Spazio Italia. I lungometraggi, invece, sono suddivisi in sezioni Fiction e Doc.
Alle 23.00, invece, il Lff presenta la sua diciannovesima edizione attraverso il talk scenico "Il corvo e i suoi fratelli" affidato a Gemma Lanzo (critico cinematografico), Gianni Palumbo (ornitologo) ed Eugenio Imbriani (antropologo). La serata si concluderà con il music contest di Tom Rapp.
Il 2 agosto il LFF apre, invece, con la masterclass del regista Matteo Garrone, appuntamento a prenotazione con posti limitati fino a 50 persone nel quale sarà possibile conoscere la visione del cinema di uno dei più importanti registi italiani. L'incontro con il pubblico al completo del Festival è invece previsto alle ore 23.15 nella piazza Scola, quando Garrone terrà una lectio magistralis nella quale sarà possibile approfondire le sfaccettature della sua poetica filmica e conoscere più da vicino il pluripremiato autore romano.
Nel suo percorso di incontro con il pubblico, il Lff ha messo in calendario anche un Cine Talk con registi, produttori e giurati presenti sui luoghi dell'evento. L'incontro è in calendario alle 23.15 del 3 agosto, giornata di lavori per il resto dedicata alle proiezioni e destinata a concludersi con le narrazioni sonore di Costantino Rizzuti e Delia Dattilo.
Il 4 agosto il Festival apre un focus specifico sulla creatività lucana e sull'opportunità di orientare il suo sguardo al turismo. Nasce così il Cine Talk “Basilicata Cineturismo Experience” a cura di Gal Start 2020 con Giuseppe Marco Albano, Giuseppe Lalinga, Leonardo Braico, Sergio Palomba, Viviana Verri e Luca Braia.
Gli farà seguito il Cine Talk “Basilicata 5×5” con Francesco Lattarulo, Rocco Calandriello, Mimmo Mezzapesa, Silvio Giordano, Manola Rotunno, Nicola Ragone, Federico Ferrandina, Roberto De Feo, Andrea Gori, Angelica Muredd, Angelo Troiano.
In serata, inoltre, nel Cine Book Corner è in programma la presentazione del romanzo di Fabio Morici “Non sentire il buio" moderata da Sergio Palomba, con letture di Fabio Pappacena e Cosimo Frascella.
Nel corso dell'intera giornata, come sempre, proseguiranno le proiezioni di film competitivi ed anche fuori concorso.
Il 5 agosto, giorno storicamente dedicato alle premiazioni, il Festival ospita Marco D'Amore, il celebre Ciro Di Marzio di Gomorra terrà una masterclass con posti limitati a partire dalle ore 17.30, mentre in serata, al termine della cerimonia di premiazione delle 23.00, incontrerà il grande pubblico in una specifica lectio magistralis nella quale la star della serie Gomorra si racconterà anche in una veste informale.
Il Lff si concluderà con music contest con i contributi di Celeste Montorsi e Dante Fontana. Sono garantiti servizi di Campeggio, Food/Bar, Cine tour e parcheggio.

FRUIT&SALAD ON THE BEACH FARA' TAPPA IN BASILICATA: DUE TAPPE A LUGLIO E DUE AD AGOSTO

Martedì, 03 Luglio 2018 09:46 Written by

Il 6 luglio cerimonia inaugurale a Nova Siri, ore 09,00 Club Nova Siri Village

TERZA PAGINA - Festa patronale, "State of Mind"

Giovedì, 07 Giugno 2018 10:55 Written by

La festa patronale, al Sud, è quel che gli inglesi definiscono uno “state of mind”; festa patronale is “THE” day. Anche se c’è l’edizione ufficiale (il giorno del patrono, da calendario) e la “summer edition”: quella estiva, di “quando-ci-sono-i-turisti”.

La festa patronale, al Sud, è qualcosa che gli antropologi stanno ancora studiando.

Formula Cinema cerca soggetti per il nuovo film di Mohsen Makhmalbaf

Sabato, 19 Maggio 2018 17:03 Written by

Un casting per partecipare al nuovo film di Mohsen Makhmalbaf. Il regista iraniano è in questi giorni in Basilicata per realizzare una nuova opera cinematografica nell'ambito di Formula Cinema, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, co-prodotto da Allelammie e da Fondazione Matera-Basilicata 2019. Le realtà promotrici dell'iniziativa sono in questa fase alla ricerca di figure, anche senza esperienze nel campo della recitazione, per entrare a far parte del film partecipato del cineasta autore, fra l'altro, di Viaggio a Viaggio a Kandahar.
La produzione, in particolare, ha bisogno di bambini, sia di sesso maschile che femminile, dai 5 agli 8 anni; ragazze dai 18 ai 28 anni; ragazzi dai 20 ai 30 anni; donne dai 60 agli 80 anni.
"Permettetemi di darvi il benvenuto al vostro film". Cosi il maestro aprirà le sessioni di casting che si terranno sabato 19 e domenica 20 maggio dalle ore 10:00 alle 19:00 presso il Tilt, Centro per la Creatività - di Marconia (MT) via Quattro Caselli snc. E' necessario esibire un documento di identità. Per ulteriori info scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel. 0835411984.
Formula Cinema è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, co-prodotto da Allelammie e da Matera 2019 - Fondazione Matera-Basilicata 2019 in partnership con Lucana Film Commission, Museo Nazionale del Cinema di TorinoMediterraneo Cinematografica, Euro-net, ArifaFilm produzioni cinematografiche, Biblioteche Comunali Pisticci, IIS “Duni-Levi” Matera, Tilt, Centro per la Creatività, Il CinePorto ed in collaborazione con Amabili Confini, Plus Hub, Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani - Gruppo Puglia, Gal Start 2020, Gal La Cittadella del Sapere e Cna Cinema Basilicata
Il viaggio di Makhmalbaf in Basilicata ha avuto inizio il 4 maggio, con il regista impegnato a visionare le storie pervenute alla ricerca di un soggetto per il suo film, potendo scegliere tra circa 150 scritti inviati a Formula Cinema anche da fuori regione tramite una specifica piattaforma per la geolocalizzazione dei racconti. Proprio il coinvolgimento dal basso di narratori delle comunità locali alla ricerca di un soggetto adatto per un film da affidare alla regia di un grande dell'audiovisivo rappresenta la specificità del progetto Formula Cinema.
Una volta completate le valutazioni del testi pervenuti ed effettuati i sopralluoghi, Makhmalbaf potrà lavorare alla sceneggiatura del testo filmico appena definito nel corso del suo viaggio. La stessa sarà consegnata entro luglio per la definizione del piano di lavorazione. La produzione del lungometraggio è in programma nellla prima parte dell’autunnno e vedrà interessate diverse aree della regione Basilicata.