Mercoledì, 15 Agosto 2018

Smart agricolture: Internet e smartphone conquistano anche l’agricoltura

Smart agricolture: Internet e smartphone conquistano anche l’agricoltura

Ogni aspetto della nostra quotidianità, oggi, dipende (o potrebbe dipendere) dagli smartphone. Non è un difetto ma un enorme vantaggio, considerando l’enorme quantità di cose che possiamo fare usando i telefonini di ultima generazione. Basti pensare agli acquisti online, ma anche al gaming e all’informazione: per non parlare degli aspetti lavorativi, premiati dall’impiego delle tecnologie portatili. È proprio il lavoro a scoprire nei cellulari moderni una nuova prospettiva: questo vale anche nell’ambito dell’agricoltura, sempre più smart e sempre più mobile. Si tratta di un argomento che merita un approfondimento, alla luce del fatto che si parla di uno dei settori più tradizionali in assoluto, in Italia.

 Smart agricolture: l’iniziativa di Apulia Digital Maker

 Può Internet conquistare anche l’agricoltura? La risposta viene direttamente da ITS Apulia Digital Maker, autrice di un’iniziativa rivolta proprio agli agricoltori italiani. È il concetto smart applicato all’agricoltura: in cosa consiste? Nell’applicazione delle nuove tecnologie digitali ad ogni aspetto di questa professione. Si va dalle riprese aeree dei droni e dalle immagini trasmesse in real time sui dispositivi, fino ad arrivare al machine learning. Questa iniziativa formativa include anche altri aspetti hi-tech, come ad esempio l’IoT (Internet of Things) e l’applicazione di sensori sul terreno coltivato. In breve, è un’iniziativa che mira a formare e informare gli agricoltori 2.0: ovvero le nuove leve desiderose di modernizzare questo settore, chiaramente rispettando il fattore eco-sostenibilità.

 

Diffusione Internet e smartphone: i principali fattori responsabili

 La smart agricolture altro non è che una delle tante conseguenze della diffusione di Internet e degli smartphone: una diffusione spinta da alcuni fattori chiave, che al momento vede addirittura 11 milioni di italiani collegati in rete con il mobile. Quali sono questi fattori? In primis, l’estrema facilità nell’ottenere uno smartphone di ultima generazione: grazie a dispositivi rigenerati, offerte e acquisti rateizzabili, avere uno smartphone è praticamente alla portata di tutti. In secondo luogo, la connessione internet. Non si parla solo della connessione dati dello smartphone ma anche – e soprattutto – della connessione per le abitazioni. Avere internet non è più un lusso ma una vera e propria necessità e le prospettive future puntano tutte nella stessa direzione: internet sarà sempre più indispensabile per le nostre case. Alcuni indizi di questo trend sono già evidenti: basti pensare al fatto che il telefono fisso sta pian piano scomparendo, rimpiazzato da delle “semplici” app, come ad esempio WhatsApp; oppure al fatto che sempre più utenti scelgono abbonamenti come quelli di Linkem che prevedono offerte di solo internet, senza linea telefonica. Anche l’advertising ha giocato un ruolo piuttosto importante, soprattutto dal lato delle aziende: la promozione online ha infatti spinto sempre più imprese a investire in strategie volte all’advertising in app e ottimizzate per i device mobili.

 Come sarà l’agricoltura del futuro?

 La smart agricolture rappresenta un futuro già molto attuale: per quanto concerne i prossimi anni, invece, saranno diverse le novità, sempre più hi-tech. Ad esempio, gli esperti ritengono che l’agricoltura del domani sarà sempre più eco-sostenibile: sfrutterà meno acqua e meno terra, fino ad arrivare al punto di rinunciare ad entrambe. Il merito sarà tutto delle tecnologie idroponiche, che vedranno un’evoluzione sempre più massiccia. Inoltre, le tecnologie e il digitale interverranno anche in altri aspetti: la gestione delle colture verrà infatti automatizzata al 100%, affidando ai computer il controllo di ogni singolo fattore. Infine, troverà un’applicazione sempre più profonda la tecnologia del fotovoltaico, aggiungendo ulteriori benefici in termini eco-friendly.

 

Read 254 times
Rate this item
(0 votes)