Venerdì, 21 Luglio 2017

Basilicata, i fondi UE ci sono basta sbloccarli

Spesso e volentieri si sente ripetere l'espressione "sarebbe bello ma non ci sono i fondi". Bene! Spesso questi tanto decantanti "fondi" ci sono ma è necessario saperli "acchiappare". E' quello che si sta tentando di fare lavorando per riuscire a sbloccare 30,3 milioni di euro. Parliamo di fondi europei del PSR 2007/2013. E’ stata, a tale proposito, indetta una riunione che ha coinvolto oltre 100 sindaci dei lucani a Potenza. Le misure interessate sono quelle 125 e 321 del Programma di sviluppo rurale della Basilicata 2007-2013. Nell’anno in cui Matera è stata candidata Capitale della Cultura 2019 ciò non passa inosservato. I Fondi Feasr rischiano, come in alcuni casi è accaduto, di tornare indietro e ciò è da scongiurare. Diverse le misure che sarebbero avviate. L’Azione 1 B riguarda l’ammodernamento e l’adeguamento funzionale della rete acquedottistica rurale, per un valore di 9,4 milioni di euro; l’Azione 4 prevede l’i adeguamento, la ristrutturazione e la messa in sicurezza della rete viaria rurale, per progetti approvati per altri 15 milioni di euro. Per quanto riguarda l’Azione 2 della misura 321 del Psr Basilicata 2007-2013, i 100 sindaci hanno firmato i decreti per finanziare i progetti per il miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni rurali.

Le domande ammesse e finanziabili sono 161 per oltrei 100 comuni. E in tutto sarebbero altri 5,9 milioni di euro. L’Assessore all’Agricoltura della Basilicata, Luca Braia, ha affermato, nel corso della riunione coi Sindaci che “Emerge la necessità di fare il punto con i comuni interessati dai progetti di miglioramento di strade e acquedotti rurali per affrontare insieme le criticità ancora esistenti, verificare lo stato delle attività intraprese e accelerare quindi la spesa, in vista della imminente conclusione della vecchia programmazione”.

Non è sempre facile intercettare fondi europei o saper rispondere a fondi previsti ad hoc, come quelli Feasr, è importante rivolgersi a progettisti seri einformarsi esperti prestiti (approfondimenti su espertoprestiti) in progettazione europea e legislazione europea. Questo tavolo ha dimostrato che mettendosi a lavorare tutti insieme le cose divengono possibili. Speriamo che non siano solo le necessità una tantum e i tempi stringenti, come in questo caso, a far si che ciò accada ma che diventi una pratica condivisa.

 

 

La fine degli elefanti: il contrabbando di avorio in Africa

La fine degli elefanti: il contrabbando di avorio in Africa

09 Luglio 2017

Ad una media di 96 capi al giorno, infatti, gli...

Le vittime di Sebastopoli. Lo strascico della guerra di Crimea del 2014

Le vittime di Sebastopoli. Lo strascico della guerra di Crimea del 2014

26 Maggio 2017

Per molti paesi, e per molti governanti, iniziare una guerra...

David che si faceva chiamare John

David che si faceva chiamare John

13 Aprile 2017

Per qualunque persona razionale un bambino che cresca in una...

Non un bolide su quattro ruote ma un ‘bolide su quattro onde’: l’MK.1 Ortega

Non un bolide su quattro ruote ma un ‘bolide su quattro onde’: l’MK.1 Ortega

01 Aprile 2017

"Un vero e proprio mini-sommergibile che può scendere ad oltre...

Una speranza per i malati di diabete

Una speranza per i malati di diabete

28 Marzo 2017

Il dispositivo ha preso il nome industriale di Medtronic Minimed...

Panama al bivio tra desiderio di trasparenza e tentazione di segretezza

Panama al bivio tra desiderio di trasparenza e tentazione di segretezza

14 Febbraio 2017

Se esistono tanti piccoli e grandi paradisi fiscali la ragione...

Per la tua pubblicità su questo sito