Sabato, 16 Dicembre 2017

Alla luce di alcune uscite pubbliche sulla stampa da parte di esponenti delle minoranze consiliari smaniose di attribuirsi meriti su questioni importanti come quella dell’Itrec, ci interessa per amore di verità fare alcune precisazioni.

Già nel Consiglio Comunale del 28 Settembre scorso l’Amministrazione Comunale si è impegnata pubblicamente a convocare un Consiglio aperto sulla vicenda dell’inquinamento derivante dall’attività del centro Itrec della Trisaia, e il Sindaco Dott. Enrico Mascia da subito ha colto la rilevanza del problema partecipando alla prima conferenza di servizio a Rotondella.

Successivamente l’Amministrazione ha convocato un incontro a Policoro con i Sindaci dei Comuni, che oltre al nostro, sono destinatari dei fondi di compensazione ambientale (per la precisione i Comuni di Rotondella, Tursi e Nova Siri). L’incontro ha avuto lo scopo di ottenere dal Sindaco di Rotondella informazioni utili derivanti dalla seconda conferenza di servizio di Ottobre, e si è stabilito di comune accordo la necessità di un consiglio Comunale aperto e allargato.

A seguire l’Amministrazione ha incontrato le associazioni ambientaliste del territorio per un confronto sul tema e per comunicare la volontà di procedere con la più ampia partecipazione e trasparenza.

Il Consiglio Comunale del 20 Novembre è stato organizzato con la massima cura, ottenendo la presenza non solo di numerose autorità politiche locali, ma cosa più unica che rara, dei vertici degli enti che hanno competenza diretta di controllo o gestione dell’impianto. Ovvero erano presenti dirigenti di Sogin, Enea, Ispra, Arpab, Asm e l’Assessore Regionale all’ambiente Dott. Francesco Pietrantuono. 

Il Consiglio Comunale, che ha visto una folta partecipazione popolare e delle associazioni, si è chiuso con l’impegno del Sindaco di Policoro e della Giunta a costituire un tavolo permanente della trasparenza che per la prima volta vede come partecipanti istituzioni, enti, associazioni e cittadini, oltre che a stanziare risorse per un monitoraggio ambientale serio e autonomo per tutta la durata delle operazioni di bonifica.

Viste le numerose azioni intraprese dall’Amministrazione Mascia e i risultati raggiunti, ci preme capire con quale coraggio una parte della minoranza tenti maldestramente di accaparrarsi meriti. Forse per aver scritto due righe per chiedere un Consiglio che l’Amministrazione aveva già deciso e dichiarato di voler fare? Ma soprattutto dove erano questi movimenti civici quando, sebbene presenti in Consiglio, nel 2015 fu reso noto l’inquinamento, e dove erano gli anni successivi?

E’ evidente che la smania di protagonismo superi la realtà dei fatti.

Ci piacerebbe invece condividere con tutto l’arco consiliare lo straordinario risultato raggiunto. E’ infatti evidente come il Comune di Policoro, guidato dall’Amministrazione Mascia abbia per la prima volta saputo affrontare il tema della salute pubblica e dei controlli delle attività del Centro Itrec in maniera trasparente, seria e concreta.

L’interesse del nostro territorio e della nostra comunità sono l’unica motivazione che spinge il nostro lavoro, e il solo riconoscimento che ci interessa è il benessere e la soddisfazione dei nostri cittadini.

Continueremo, come sempre , a lavorare in questa direzione lasciando agli altri inutili medaglie di cartone.

 

Amministrazione comunale di Policoro

 

 

 

Published in POLITICA

Si è svolto lunedì pomeriggio presso la Sala Consiliare del Comune di Policoro il Consiglio Comunale aperto, presieduto dal Presidente Avv. Domenico Ranù, avente come punto all’ordine del giorno: “Centro Enea –Trisaia: problematiche ambientali e interventi per la messa in sicurezza”.

Published in CRONACA

Si è tenuto, così come concordato al tavolo della trasparenza del dicembre scorso, il sopralluogo al centro Itrec di Rotondella che ha visto coinvolti il dipartimento Ambiente e territorio della regione Basilicata, Ispra, Arpab, tecnici Enea e Sogin, società che gestisce l’impianto dal 2003. Presenti anche sindaci, amministratori locali e consiglieri provinciali, oltre alle associazioni ambientaliste: No Scorie Rotondella, Movimento Azzurro, Scanziamo le scorie, No scorie International ed il circolo Legambiente di Senise.

Published in CRONACA