Martedì, 20 Febbraio 2018

Una finestra sul Mondo

Una finestra sul Mondo (35)

Latest News

La storia sconosciuta della festa di Halloween

Mercoledì, 18 Ottobre 2017 20:13 Written by

Riflessioni storico-sociologiche su un appuntamento tanto amato quanto odiato

Un campo a forma di L: l’esperimento sportivo e sociale dell’AP Thailand.

Lunedì, 02 Ottobre 2017 12:53 Written by

In tutti i paesi a forte incremento demografico, tutti gli spazi utili sono utilizzati per costruire case o baracche: questo vale ancor di più per la Thailandia.

Questo magico e meraviglioso paese dalle straordinarie bellezze naturali ed umane (vi sono tra le ragazze più affascinanti del mondo), vive quotidianamente un processo di impoverimento territoriale a vantaggio della crescita, a volte incontrollata e quasi sempre disordinata, di quartieri più o meno legali molti dei quali sono veri e propri slums o baraccopoli.

In quei quartieri sovraffollati e ad alto rischio di devianza (traffico d’armi, spaccio, prostituzione maschile e femminile, etc.) sarebbe utilissimo creare dei luoghi d’incontro e di socializzazione pensati per far crescere in salute fisica e mentale tantissimi bambini e ragazzi che non hanno praticamente niente: ma non è semplice.

Infatti, soprattutto nei quartieri venuti su come funghi dal nulla, tutto lo spazio utile o quasi è stato utilizzato e rimangono disponibili solo alcune piccole porzioni di terreno delle forme più strampalate.

Per dare un senso a queste aree inutilizzate, per creare un luogo in cui i più giovani potessero trovare un loro spazio dedicato, l’AP Thailand, una società di costruzioni, ha pensato di inventarsi dei ‘campi da calcio non convenzionali’.

La cosa è presto detta: normalmente un campo da calcio è di forma rettangolare; ma se questa forma, in un intero quartiere, non si trova, perché non crearne uno di forma diversa ma con una superficie ed una divisione degli spazi di gioco simili a quelli dei campi ufficiali?

In questo modo sono nati campi di calcio a forma di ‘L’, a forma di ‘Z’, a forma di ‘U’ e c’è la speranza di crearne molti altri di forme ancora diverse.

Questo permette a tutti gli spazi di essere intelligentemente utilizzati, a tanti bambini e ragazzi di giocare in maniera sana e divertente, e a delle città che sarebbero apparse diversamente come alveari umani di avere un aspetto più normale.

E se, per segnare, bisogna svoltare l’angolo, chi se ne importa!

La struggente storia di un antico simbolo: il claddagh

Venerdì, 11 Agosto 2017 18:15 Written by

Il nostro mondo è pieno di simboli: dalle faccine degli emoticons alle chiocciole delle mails, dai cancelletti dei tweets alle strane rune del bluetooth.

La scimmietta di Charlie

Sabato, 29 Luglio 2017 10:41 Written by

In memoria di Charlie Gard

Popular News

Se vi capitasse di passare dal confine tra la Georgia…
Non sono uno di quelli fissati per le ricorrenze, ad…
Riflessioni storico-sociologiche su un appuntamento tanto amato quanto odiato
L’Africa, nell’immaginario collettivo non solo europeo, è ancora principalmente visualizzata…

Più fast ma anche più food. L’innovazione di EATSA.

Martedì, 25 Luglio 2017 10:47 Written by

 

Scott Drummond e Tim Young hanno capito che si può e si deve fare ancora fast food, ma in maniera sana ed ecosostenibile

La fine degli elefanti: il contrabbando di avorio in Africa

Domenica, 09 Luglio 2017 16:23 Written by

Ad una media di 96 capi al giorno, infatti, gli elefanti africani fanno le spese di un traffico assurdo di avorio, che non ha nessuna utilità pratica

Le vittime di Sebastopoli. Lo strascico della guerra di Crimea del 2014

Venerdì, 26 Maggio 2017 11:51 Written by

Per molti paesi, e per molti governanti, iniziare una guerra è soltanto un annuncio in televisione: ma per chi deve partire in armi per il fronte le cose sono un po’ diverse.

David che si faceva chiamare John

Giovedì, 13 Aprile 2017 20:04 Written by

Per qualunque persona razionale un bambino che cresca in una famiglia in cui il padre è un delinquente matricolato, che esce ed entra di prigione con grande frequenza, e la madre lascia baracca e burattini e se ne va via senza neanche un bigliettino d’addio, ebbene questo bambino è un candidato alla tristezza ed alla rabbia perenni.