Giovedì, 23 Novembre 2017

ECONOMIA

ECONOMIA (1519)

Latest News

Braia: 3,6 Meuro per valorizzazione e promozione dell’agroalimentare lucano

Mercoledì, 15 Novembre 2017 09:17 Written by

Firmati questa mattina, presso il Dipartimento Agricoltura, i provvedimenti di concessione per i 18 raggruppamenti ammessi a finanziamento per la Misura 3.2 del Psr Basilicata 2014/2020 dedicata a ‘Informazione e promozione sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari’.

Tari, Adiconsum a disposizione per eventuali ricorsi

Sabato, 11 Novembre 2017 15:03 Written by

Pochi giorni fa il Ministero dell’Economia e delle Finanze, rispondendo a una interrogazione parlamentare proposta da Giuseppe L’Abbate in materia di imposta sui rifiuti, ha chiarito che, secondo il Mef, la parte variabile della tassa va computata una sola volta, considerando l’intera superficie dell’utenza composta sia dalla parte abitativa che dalle pertinenze situate nello stesso Comune.

La TARI o meglio conosciuta come la tassa sui rifiuti (ex Tarsu, ex Tia1, ex Tia2, ex Tares) deve essere pagata da tutti coloro che possiedono o detengono, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, qualunque sia l’uso cui sono adibiti, purchè suscettibili di produrre rifiuti urbani. In pratica, la tari deve essere corrisposta da chiunque “occupa” un immobile, purchè sia utilizzabile anche se non utilizzato.
La tari è composta da due quote:
• La quota fissa, che viene calcolata considerando i componenti il nucleo familiare e moltiplicando i metri quadrati dell’immobile (attenzione: si considera la superficie calpestabile), comprese le pertinenze (cantina, garage, box);
• La quota variabile, che cambia in base al numero dei componenti la famiglia e ai coefficienti di produzione dei rifiuti. Essa è quindi rapportata alla quantità di rifiuti che presumibilmente viene prodotta da coloro che risiedono nell’immobile occupato.
Nel caso della tari per le abitazioni principali, non è raro il caso che le stesse abbiano anche delle pertinenze (cantine, box, garage). La superficie di queste pertinenze, pur considerandole come unità immobiliari autonome, deve essere sommata alla superficie dell’abitazione principale. Una volta rideterminata la superficie calpestabile complessiva, si deve procedere a calcolare la quota fissa e la quota variabile.
E’ capitato invece in molti comuni, in mancanza anche di un criterio univoco di calcolo e di regolamentazione, hanno determinato la tari considerando la superficie delle unità immobiliari “separate” tra l’abitazione e le pertinenze, determinando un’imposizione della quota variabile anche alle pertinenze, il cui importo varia in funzione della previsione regolamentare di ogni singolo comune, arrivando in alcuni casi anche al raddoppio della tassa!
E’ importante quindi verificare se e quali siano stati gli effetti sulla propria “bolletta tari” stando bene accorti a verificare non solo se il calcolo per la quota variabile è stato effettuato come chiarito dal Mef, ma anche se la superficie tassata è realmente quella calpestabile e se il numero dei componenti corrisponde a quello dei residenti nell’immobile iscritto a ruolo. Questo perché, una incauta richiesta di rimborso senza verificare quanto innanzi potrebbe portare il Comune “ad accertare” una posizione non regolare con riferimento al numero dei componenti e soprattutto alla superficie calpestabile.
Gli utenti possono rivolgersi per informazioni e assistenza presso la Sede Provinciale dell’Adiconsum di Matera o alle sedi Comunali di San Mauro Forte e Scanzano Ionico nei seguenti giorni:

Sede di Matera: Lunedì -mercoledì e giovedì dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00 dal lunedì al venerdì

Sede di San Mauro Forte: dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 17,30 alle 19,00

Sede di Scanzano Ionico: il mercoledì dalle 16,00 alle 19,30

Cosa serve per la verifica:
• Copia della bolletta Tari per gli anni 2014, 2015, 2016, 2017
• Copia del documento di identità dell’intestatario della tari;
• Copia recente della visura dell’abitazione principale e pertinenze (meglio se metrica);
• Copia dell’IBAN da utilizzare in caso di richiesta di rimborso.

CONCORSO PER RECLUTAMENTO DI 30 ALLIEVI FINANZIERI: TECNICO DI SOCCORSO ALPINO (S.A.G.F.)”

Giovedì, 09 Novembre 2017 19:10 Written by


TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 15 DICEMBRE 2017

Asso Fruit Italia al “The Rome Table: “Buyer internazionali interessati alle nostre produzioni: agrumi, kiwi, fragole e biologico le richieste più frequenti”.

Mercoledì, 08 Novembre 2017 15:35 Written by

L'Op con sede a Scanzano Jonico è fra le uniche tre realtà economiche italiane ad aver ottenuto il via libera per l'export degli agrumi verso la Cina

Popular News

In relazione alla notizia riportata dagli organi di stampa nazionali…
MONTESCAGLIOSO – Due giorni con Chiara Bergonzi, vice campionessa mondiale…

Tursi, il sindaco Cosma sull'inaugurazione del collegamento viale sant’anna – petto di coppe: “un’opera attesa da decenni che rappresenta un nuovo inizio per la nostra comunita’”

Lunedì, 30 Ottobre 2017 12:12 Written by

E’ stata inaugurata ieri con una bella cornice di pubblico, la bretella che collega finalmente viale Sant’Anna a Petto di Coppe.

“Management dell’industria creativa e culturale", concluso il master di Enfor

Mercoledì, 25 Ottobre 2017 09:37 Written by

Le lezioni d’aula hanno consentito di sviluppare competenze trasversali: dal marketing alla comunicazione aziendale; dall’analisi dei bisogni culturali alla comunicazione aziendale; dall’universal design all’utilizzo professionale delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali; dalla capacità gestionale di attivare e gestire una rete di sinergie con il comparto turistico e di attrarre risorse finanziarie e di gestirle correttamente

ECONOMIA - Una delegazione di imprenditori materani a Toronto

Lunedì, 23 Ottobre 2017 16:38 Written by

Una delegazione di imprenditori materani a Toronto

Proseguono gli scambi economici e commerciali tra la Basilicata e il Canada

 

 

Dopo la visita a Matera di una delegazione canadese lo scorso giugno, alcune eccellenze materane, imprese aderenti a Confapi, saranno presenti a Toronto dal 26 al 30 ottobre per proseguire nelle relazioni già intessute con gli imprenditori canadesi.

 

Gli imprenditori materani, operanti nei settori della meccanica, della green economy, della chimica verde, del mobile imbottito, del turismo e delle costruzioni, saranno accolti dalla Basilicata Cultural Society of Canada, l’associazione di italo-canadesi, dalle chiare origini lucane, che rappresentano la Basilicata in Canada e che la scorsa estate avevano portato imprenditori e rappresentanti istituzionali d’oltre oceano a visitare alcune aziende materane.

 

Toronto, quarta città e seconda potenza economica del Nord America, ha mostrato interesse ad allacciare nuovi rapporti commerciali, culturali e turistici con la Basilicata. Per questo motivo, ricambiando la visita, a fine mese alcuni imprenditori di Confapi Matera si recheranno in Canada per stringere accordi economici e commerciali che potrebbero in futuro essere estesi anche ad altri imprenditori interessati.

Premio Azienda Longeva, entro il 20 novembre si può presentare domanda di partecipazion

Domenica, 22 Ottobre 2017 10:56 Written by

Destinato alle attività che sono iscritte da almeno 50 anni alla Camera di Commercio di Matera, il Premio è un riconoscimento alla cultura del lavoro.