Sabato, 23 Giugno 2018

ECONOMIA

ECONOMIA (1545)

Latest News

Investire in immobili: Sanremo si conferma una delle zone d’Italia più interessanti

Lunedì, 04 Giugno 2018 11:48 Written by

Sanremo comprende diciannove zone immobiliari, classificate in base alla posizione, alla popolosità e le consistenze degli edifici, e può essere conveniente investire nel settore immobiliare, se si considerano le zone e le proprie disponibilità. Per farlo, ovviamente, è fondamentale rivolgersi a dei professionisti del settore. Sarà sufficiente cercare sul web agenzia immobiliare sanremo per trovare le migliori realtà presenti sul territorio.

Le diciannove zone di Sanremo

Le zone immobiliari in cui Sanremo è frazionata, comprendono:

 

  • da Rondo San Bernardo a Piazza Cassini a Valle Fino Al Mare, che è la sua prima fascia immobiliare, e comprende abitazioni civili, rimesse, posti auto, box, etc;

  • il Nucleo Antico la Pigna, la sua seconda fascia, che comprende immobili di completamento;

  • Monte di Corso Cavallotti, di Via Mazzini E Traverse, la terza zona immobiliare, che comprende un mercato di alto profilo;

  • Corso Cavallotti, via Mazzini e Traverse;

  • E. Di V. Galilei, S. Di Str. Tinasso, AN. di Corso Inglesi Fino A..., quarta fascia immobiliare della città;

  • Foce da Corso Inglesi e Traverse Lato Monte, fino al mare;

  • Via del Castillo, Rondo Garibaldi, Via Volta fino a via Borea;

  • Bussana, fascia costiera A, sud della Ferrovia;

  • Insediamenti sparsi per Bussana;

  • tra Monte Bignone e San Romolo;

  • da Via Solaro fino a Via D'Annnunzio, e da Semeria a Coldirodi;

  • Monte Ospedale, Via Borea e Via San Romolo;

  • Villa Armea;

  • da sud di Via Semeria fino a Corso Pino e zona Solaro;

  • la frazione di Poggio;

  • zone agricole e periferiche.

Di queste fasce immobiliari, quelle che sembrano suscitare maggiori richieste, in base al numero degli annuncio, sono Bussana, San Romolo, Caldiroli e Poggio.

Bussana, Caldiroli, Poggio e San Romolo

Ci sono tre buoni motivi per investire in questo Comune, nel settore immobiliare:

 

  • perché Sanremo è viva per tutto l'anno, con i suoi vari eventi;

  • perché è il genere di città che piace a tutta la famiglia, essendo ricca di attrazioni;

  • perché è economicamente conveniente, per quanto riguarda i prezzi delle case.

Le quattro zone di Caldiroli, Bussana, Poggio e San Romolo, sono le frazione di Sanremo in cui si possono registrare il maggior numero di richieste di vendite immobiliari.

I prezzi di un immobile in vendita, in queste zone, può variare dai 2.250 ai 2.950 euro al metro quadro, ma si devono considerare vari fattori, se si è interessati a fare investimenti immobiliari in una di queste frazioni del Comune.

Ad esempio, a San Romolo, attualmente, è possibile acquistare delle ville o dei rustici. Uno di questi ultimi, in cui sono compresi cinque locali e 187 metri quadri, si può acquistare a 160.000 euro.

Chi, magari, vorrebbe acquistare un appartamento da usare o affittare per il periodo delle vacanze, potrebbe visionare degli annunci della zona di Bussana.

 

Fibra ottica in Basilicata: 64 comuni connessi grazie al progetto banda ultralarga

Lunedì, 28 Maggio 2018 18:06 Written by

Il progetto banda ultralarga continua a “fare proseliti”: l’Italia, infatti, sta procedendo ad una copertura sempre più massiccia del territorio, con le proprie infrastrutture per la fibra ottica. All’interno di questo programma spiccano i piani previsti per la Basilicata: negli ultimi mesi, non a caso, gli investimenti della regione hanno prodotto la copertura in fibra per altri 64 comuni. Si parla di un investimento che ha visto l’ammontare di quasi 40 milioni di euro, messi in gran parte a disposizione dalle casse pubbliche. Da oggi, dunque, 330.000 abitanti della Basilicata potranno accedere ad una connessione in fibra fino a 200 Mbps, per un totale di circa 170mila edifici.

Fibra ottica in Basilicata: i risultati del progetto

Alcuni dei numeri più importanti, relativi al progetto banda ultralarga, li abbiamo già visti poco più sopra. Quali sono, dunque, gli altri dati che meritano di essere esposti? Gli interventi di installazione della fibra ottica in Basilicata non si sono fermati alla fibra da 200 Mbps, ma sono andati oltre: nello specifico, al pacchetto bisogna anche includere 600 edifici pubblici coperti con un collegamento a banda ultralarga fino a 1.000 Mbps. Naturalmente lo scopo dell’investimento è duplice: migliorare la navigazione dei cittadini, e favorire lo sviluppo della digitalizzazione delle PA e dei servizi pubblici (come la sanità). Anche l’attenzione alla digitalizzazione delle aziende della regione ha rappresentato un punto fermo del piano banda ultralarga, in Basilicata.

A che punto è il cablaggio della Basilicata?

A questo punto emerge una domanda: qual è la situazione attuale relativa al cablaggio in fibra ottica della Basilicata? Le ultime rilevazioni parlavano di una copertura del 76% del territorio della regione, ma è auspicabile pensare che si sia già arrivati all’80%: un dato che rende la Basilicata una delle zone più virtuose d’Italia. Come sapere se il proprio comune è stato incluso nel cablaggio della fibra ottica? Il modo più veloce è visitando i siti web degli operatori: ad esempio, sul sito di Vodafone, utilizzando lo strumento per la verifica della copertura della fibra, è possibile scoprirlo in pochi click. In alternativa è anche possibile telefonare ai vari servizi di assistenza, per ottenere questa informazione.

Quali sono i vantaggi della fibra ottica?

Il principale vantaggio della fibra ottica è dovuto alle sue specifiche tecniche: i cavi in fibra di vetro, difatti, permettono una trasmissione dei dati più veloce. Inoltre il segnale appare nettamente più stabile rispetto ad altre connessioni cablate come l’ADSL: in tal caso, il merito va alla capacità di trasmettere una grande mole di dati anche sulle lunghe distanze. Grazie alla banda ultra larga, dunque, abbiamo la possibilità di godere di uno streaming video più performante. Per i lavoratori digitali, poi, i vantaggi si moltiplicano: potendo sfruttare una connessione così veloce, le operazioni di download e di upload dei file risultano ottimizzate.

 

Smart agricolture: Internet e smartphone conquistano anche l’agricoltura

Venerdì, 11 Maggio 2018 16:45 Written by

Ogni aspetto della nostra quotidianità, oggi, dipende (o potrebbe dipendere) dagli smartphone. Non è un difetto ma un enorme vantaggio, considerando l’enorme quantità di cose che possiamo fare usando i telefonini di ultima generazione. Basti pensare agli acquisti online, ma anche al gaming e all’informazione: per non parlare degli aspetti lavorativi, premiati dall’impiego delle tecnologie portatili. È proprio il lavoro a scoprire nei cellulari moderni una nuova prospettiva: questo vale anche nell’ambito dell’agricoltura, sempre più smart e sempre più mobile. Si tratta di un argomento che merita un approfondimento, alla luce del fatto che si parla di uno dei settori più tradizionali in assoluto, in Italia.

 Smart agricolture: l’iniziativa di Apulia Digital Maker

 Può Internet conquistare anche l’agricoltura? La risposta viene direttamente da ITS Apulia Digital Maker, autrice di un’iniziativa rivolta proprio agli agricoltori italiani. È il concetto smart applicato all’agricoltura: in cosa consiste? Nell’applicazione delle nuove tecnologie digitali ad ogni aspetto di questa professione. Si va dalle riprese aeree dei droni e dalle immagini trasmesse in real time sui dispositivi, fino ad arrivare al machine learning. Questa iniziativa formativa include anche altri aspetti hi-tech, come ad esempio l’IoT (Internet of Things) e l’applicazione di sensori sul terreno coltivato. In breve, è un’iniziativa che mira a formare e informare gli agricoltori 2.0: ovvero le nuove leve desiderose di modernizzare questo settore, chiaramente rispettando il fattore eco-sostenibilità.

 

Diffusione Internet e smartphone: i principali fattori responsabili

 La smart agricolture altro non è che una delle tante conseguenze della diffusione di Internet e degli smartphone: una diffusione spinta da alcuni fattori chiave, che al momento vede addirittura 11 milioni di italiani collegati in rete con il mobile. Quali sono questi fattori? In primis, l’estrema facilità nell’ottenere uno smartphone di ultima generazione: grazie a dispositivi rigenerati, offerte e acquisti rateizzabili, avere uno smartphone è praticamente alla portata di tutti. In secondo luogo, la connessione internet. Non si parla solo della connessione dati dello smartphone ma anche – e soprattutto – della connessione per le abitazioni. Avere internet non è più un lusso ma una vera e propria necessità e le prospettive future puntano tutte nella stessa direzione: internet sarà sempre più indispensabile per le nostre case. Alcuni indizi di questo trend sono già evidenti: basti pensare al fatto che il telefono fisso sta pian piano scomparendo, rimpiazzato da delle “semplici” app, come ad esempio WhatsApp; oppure al fatto che sempre più utenti scelgono abbonamenti come quelli di Linkem che prevedono offerte di solo internet, senza linea telefonica. Anche l’advertising ha giocato un ruolo piuttosto importante, soprattutto dal lato delle aziende: la promozione online ha infatti spinto sempre più imprese a investire in strategie volte all’advertising in app e ottimizzate per i device mobili.

 Come sarà l’agricoltura del futuro?

 La smart agricolture rappresenta un futuro già molto attuale: per quanto concerne i prossimi anni, invece, saranno diverse le novità, sempre più hi-tech. Ad esempio, gli esperti ritengono che l’agricoltura del domani sarà sempre più eco-sostenibile: sfrutterà meno acqua e meno terra, fino ad arrivare al punto di rinunciare ad entrambe. Il merito sarà tutto delle tecnologie idroponiche, che vedranno un’evoluzione sempre più massiccia. Inoltre, le tecnologie e il digitale interverranno anche in altri aspetti: la gestione delle colture verrà infatti automatizzata al 100%, affidando ai computer il controllo di ogni singolo fattore. Infine, troverà un’applicazione sempre più profonda la tecnologia del fotovoltaico, aggiungendo ulteriori benefici in termini eco-friendly.

 

AGRICOLTURA, "LIFE AGROCLIMA WATER": “Sostenibilità per e con i produttori”

Lunedì, 23 Aprile 2018 12:41 Written by

"Obiettivo quello di promuovere l'efficienza idrica e supportare il passaggio ad un'agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici"

IL VIDEO RACCONTO DELLA GIORNATA

Popular News

Dal corretto approccio delle Pmi lucane ai processi di trasformazione…
Sanremo comprende diciannove zone immobiliari, classificate in base alla posizione,…
Ogni giovedì, fino al 12 luglio, dalle 15.30 alle 17.30,…
Ogni aspetto della nostra quotidianità, oggi, dipende (o potrebbe dipendere)…

Vinitaly 2018 si tinge di rosso con Rossini-Candonga Fragola Top Quality®

Mercoledì, 18 Aprile 2018 21:50 Written by

In occasione della 52 edizione del Vinitaly, svoltasi a Verona dal 15 al 18 aprile, la casa vinicola Canella spa di San Donà del Piave, già nota per il Bellini l’aperitivo a base di pesca, ha presentato il Rossini-Candonga Fragola Top Quality®, ottenuto con le pregiate fragole del Consorzio Lucano.

Il manager lucano Giuseppe Ferrara a Roma per incontrare Bolkestein al Parlamento italiano

Martedì, 17 Aprile 2018 14:49 Written by

“Cercherò di esporre le difficoltà che la normativa sta creando a tutti i balneari”

Dal sole della Basilicata a Fico Eataly World. Successo e partecipazione per la prima settimana di promozione della Candonga Fragola Top Quality® presso Fico Eataly World

Mercoledì, 04 Aprile 2018 12:18 Written by

La fragola Candonga Top Quality® festeggia la primavera portando il suo profumo e colore intenso presso la bottega dell’ortofrutta il Pomo, e facendo conoscere le sue peculiarità al pubblico di Fico Eataly World dal 26 marzo al 15 aprile.

Acqua e cambiamenti climatici, Workshop a Policoro - 16 Marzo

Giovedì, 15 Marzo 2018 08:53 Written by

 “Per l'agricoltura contemporanea è fondamentale adottare pratiche sostenibili che vadano nel verso dell'efficienza idrica per agevolare così il passaggio all'agricoltura resiliente, cioè la capacità del sistema agricolo di assicurarsi stabilità ed efficienza anche rispetto alle sollecitazioni che potrebbero comprometterlo”.