Sabato, 21 Aprile 2018

CRONACA

CRONACA (4037)

Latest News

Emergenza acqua Policoro, incontro pubblico in Comune

Giovedì, 19 Aprile 2018 17:50 Written by

Martedì 17 Aprile arriva al Comune di Policoro una breve comunicazione dell’ASM in cui si notifica l’innalzamento soprasoglia dei valori di Trialometani nei serbatoi di Pane e Vino e Acinapura che servono la città di Policoro. I trialometani sono sottoprodotti della disinfezione tramite cloro delle acque, che possono rivelarsi nocivi a seguito di una lunga esposizione. I valori riscontrati da Arpab, allegati alla nota di ASM, rilevano un’eccedenza di 15-16 punti sulla soglia di legge che è stabilita in 30 mg/l.

La tutela della salute e del benessere dei cittadini è il primo compito del sindaco e dell’amministrazione tutta non solo politicamente ma, soprattutto, moralmente. Enrico Mascia pertanto emette in via cautelativa l’ordinanza 5332 che vieta l’uso alimentare delle acque provenienti dai due serbatoi.

Successivamente l’amministrazione si occupa di assicurare tempestivamente l’approvvigionamento di acqua potabile ai cittadini attraverso autobotti provenienti da fonti sicure. Coordinandosi con il servizio cure Domiciliari dell’ASM e con la cooperativa Auxilium, titolare del servizio ADI, l’amministrazione rifornisce di acqua potabile i cittadini impossibilitati a muoversi autonomamente o in gravissime situazioni di disagio. Sono state, inoltre, assicurate alle scuole quote di acqua potabile ed è stata garantita la continuità del servizio mensa con l’individuazione di un punto cottura sicuro e di controlli personalmente eseguiti dal sindaco.

Facendo seguito a interlocuzioni telefoniche con Prefettura, AQL, Arpab e ASM al fine di ottenere risposte certe e chiarimenti doverosi circa le cause dell’attuale emergenza, sui controlli effettuati e sulla programmazione dei prelievi, sui laboratori utilizzati; AQL diffonde un comunicato che rappresenta l’andamento delle rilevazioni effettuate nei giorni scorsi, notificando un netto miglioramento della qualità delle acque; inoltre, la Prefettura ed Egrib accogliendo le sollecitazioni sulla necessità di un’informazione corretta mosse dal sindaco Mascia, inoltrano per conoscenza al comune di Policoro la nota di richiesta di
chiarimenti inviata ad Arpab e AQL.

L’amministrazione in data 19 aprile scrive a AQL, Arpab e ASM per ottenere elementi cognitivi e notizie certe sulla frequenza dei prelievi e sulla loro programmazione, chiedendo inoltre lo storico degli anni precedenti. In particolare ad AQL si chiedono ulteriori chiarimenti sulle cause dell’innalzamento dei trialometani.

L’azione dell’amministrazione di Policoro è stata rapida ed efficace nel momento dell’emergenza. Ora sentiamo la necessità di chiarire ogni singolo aspetto di questa incresciosa vicenda. Resta ferma la volontà di questa amministrazione di mettere davanti a tutto l’interesse dei cittadini, in particolare quando si tratta di salute e benessere e che sono state messe in atto tutte le azioni per avere risposte certe. Chiediamo ai nostri concittadini di non seguire quanti gettano benzina sul fuoco, l’emergenza è stata gestita quanto meglio possibile e le legittime sollecitazioni messe in campo avranno pronta ed esauriente risposta.

Invitiamo tutti i nostri concittadini all’incontro organizzato dall’amministrazione comunale per Sabato 21 ore 18.00 in sala consiliare, dove approfondiremo la questione”.

 

 

ACQUEDOTTO LUCANO: "POLICORO E NOVA SIRI, RISCONTRI RASSICURANTI IN ATTESA DI CONFERME UFFICIALI"

Giovedì, 19 Aprile 2018 11:50 Written by

Il superamento della soglia di trialometani che è stato segnalato è in relazione al consueto trattamento di clorazione

Acqua Policoro, videomessaggio del sindaco Mascia: "domani scuole e mense aperte"

Mercoledì, 18 Aprile 2018 23:01 Written by

"Controllerò personalmente il confezionamento dei pasti" dichiara il sindaco Mascia

Anche a Nova Siri vietato l'uso e consumo dell'acqua a scopo potabile

Mercoledì, 18 Aprile 2018 21:30 Written by

È VIETATO, in tutto il territorio di Nova Siri Marina, sino a nuovo ordine, l'uso e consumo dell'acqua a scopo potabile, in particolare l'uso dell'acqua come bevanda e per la preparazione dei cibi, restando idonea al solo utilizzo per l'igiene personale e dei locali.

Popular News

Nei prossimi giorni il sito che ospita il periodico on…
Per evitare che continui lo scarico nel mare Jonio di…
I finanzieri della Brigata Guardia di Finanza di Metaponto, nel…
Martedì 17 Aprile arriva al Comune di Policoro una breve…

Policoro, ordinanza del sindaco Mascia: "vietato l'uso e consumo dell'acqua a scopo potabile"

Martedì, 17 Aprile 2018 19:11 Written by

È VIETATO, in tutto il territorio di Policoro, sino a nuovo ordine, l'uso e consumo dell'acqua a scopo potabile, in particolare l'uso dell'acqua come bevanda e per la preparazione dei cibi,restando idonea al solo utilizzo per l'igiene personale e dei locali.

LEGGI L'ORDINANZA DEL SINDACO MASCIA

Scanzano Jonico. Incendio Asso Fruit Italia, danneggiato per la seconda volta, a distanza di pochi giorni, il comparto ortofrutticolo

Domenica, 15 Aprile 2018 02:32 Written by

"Nessuna richiesta estorsiva, chiediamo maggior controllo. Fiduciosi nel lavoro che stanno svolgendo già in queste ore le competenti autorità".

Denunciato un allevatore, i Carabinieri indagano sulle modalità dello sversamento dei liquami

Venerdì, 13 Aprile 2018 17:24 Written by

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Scanzano Jonico hanno denunciato il proprietario di un’azienda zootecnica per presunto sversamento illecito di deiezioni liquide prodotte all’interno di un allevamento bovino.  A seguito di delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera, i Carabinieri Forestale hanno effettuato un controllo, unitamente a personale dell’A.R.P.A.B., ad un’azienda zootecnica, sita in agro di Policoro. Dalla verifica, secondo quanto riportato in un comunicato stampa, sarebbe “emerso che le deiezioni liquide sarebbero state fatte confluire da una concimaia in calcestruzzo, per caduta, in una vasca interrata”, si legge nel comunicato. E, ancora, è riportato nel comunicato stampa: “L’area in prossimità della vasca era completamente ricoperta di liquame evidentemente proveniente dalla tracimazione della vasca stessa ; i liquidi, di colorazione scura e maleodorante, sia per ruscellamento che tramite una tubazione interrata confluivano direttamente nel prospiciente canale di bonifica per poi sfociare nel fiume Agri e infine nel mare. Lo sversamento continuo di liquame nelle acque pubbliche superficiali ne ha causato un grave inquinamento, confermato dalle analisi dell’A.R.P.A.B., le quali hanno evidenziato un elevato carico organico inquinante delle acque pubbliche”. Infine: “Da ulteriori controlli si è evinto che parte delle strutture edilizie costruite a servizio dell’allevamento, quali stalle, sala mungitura, depositi attrezzi e fienili, per una superficie complessiva di circa mq. 10.600, risultavano abusive, edificate in un’area sottoposta a vincolo archeologico, paesaggistico ambientale ed urbanistico edilizio”. Accertato l’illecito, i Carabinieri Forestale hanno denunciato il proprietario dell’azienda zootecnica.

Itrec Rotondella, sequestrate tre vasche di raccolta acque

Venerdì, 13 Aprile 2018 17:11 Written by

Per evitare che continui lo scarico nel mare Jonio di acqua contaminata proveniente dall'impianto nucleare Itrec di Rotondella (Matera), la Procura della Repubblica di Potenza ha fatto eseguire stamani il sequestro di tre vasche di raccolta delle acque di falda e della condotta di scarico. I reati ipotizzati nell'inchiesta sono: inquinamento ambientale, falsità ideologica, smaltimento illecito di rifiuti e traffico illecito di rifiuti. Ma lo smantellamento del sito potrà proseguire [ANSA]