Domenica, 18 Febbraio 2018

CRONACA

CRONACA (4015)

Latest News

Scontro sulla Sinnica nei pressi di Tursi, 2 morti e 4 feriti

Sabato, 30 Dicembre 2017 11:29 Written by
A tarda sera, per cause che i Carabinieri stanno accertando

Consumatori, la GdF sequestra prodotti non in regola

Giovedì, 14 Dicembre 2017 14:55 Written by

"Gli articoli sequestrati, complessivamente n. 24.449, sono risultati mancanti di fondamentali elementi specifici, relativi alle etichette, alla composizione qualitativa ed al confezionamento. Si è riscontrata l’omessa indicazione delle informazioni in lingua italiana, della composizione merceologica, dell’importatore, del fabbricante, delle avvertenze e delle precauzioni d’impiego, così come previsto dal cd. “Codice del Consumo”, in vigore dal 2006"

AL VIA IL PROGETTO “NONNO VIGILE” A VALSINNI

Sabato, 02 Dicembre 2017 08:12 Written by

Valsinni- al via nel paese lucano il progetto “Nonno Vigile”, un’iniziativa realizzata e voluta dal Comune con la collaborazione della Protezione Civile e di alcune associazioni presenti sul territorio. Un modo per valorizzare una risorsa importante quale sono i nonni, persone dal cuore grande che hanno tanto ancora da donare alla comunità. Domenica 26 novembre si è tenuto un incontro in merito presso la “Sala Eventi Ninì Truncellito” che ha visto una buona partecipazione di pubblico e riscosso grande interesse. L’iniziativa “Nonno Viglile” rientra nell’ambito di un progetto più ampio dal titolo “Territorio Amico” che persegue l’obiettivo che vuole le piccole comunità, come quella di Valsinni, che conta poco più di 1.500 abitanti, sempre più coese e solidali nel radicamento profondo delle proprie origini. “Il continuo calo demografico, la soglia dell’età media sempre più alta, le esigue risorse a disposizione della Pubblica Amministrazione, fanno si che sia sempre più difficile garantire ai cittadini anche i servizi essenziali” dichiara Antonio Mancino, responsabile della Protezione Civile di Valsinni, “un’organizzazione di volontariato, come la Protezione Civile, non ha la pretesa di colmare le lacune sopra citate, ma ha la ferma determinazione, oltre che il dovere, di dare un solido contributo e concreto aiuto alla comunità, collaborando attivamente con l’Amministrazione comunale”. Importanti anche le dichiarazioni del primo cittadino Gaetano Celano: “Il progetto Nonno Vigile ha l’obiettivo di coinvolgere attivamente le persone più anziane nella vita della nostra comunità, persone che sono una risorsa preziosa da valorizzare e che hanno davvero tanto da offrire ai più giovani per le esperienze di vita vissuta. I nonni avranno il compito di aiutare gli studenti davanti il plesso scolastico. La polizia locale di Valsinni conta nel suo organico una sola unità che, nonostante gli sforzi dell’Amministrazione di affiancargli due ausiliari del traffico, non può smaltire la grande mole di lavoro che è tenuta a svolgere, soprattutto in ambito urbano. Ecco venire in aiuto dei cittadini proprio i nonni. Questo è solo il primo di una lunga serie di progetti ed iniziative discusse con la protezione civile”. Il progetto “Nonno Vigile” che, dunque, a breve partirà anche a Valsinni è stato già realizzato con successo in altre realtà urbani, riscuotendo interesse e grande partecipazione da parte delle persone più anziane, entusiaste di poter partecipare attivamente alla vita del proprio paese.

 

Itrec-Enea, DiPierri, Agresti e Maiuri sollecitano esposto

Lunedì, 27 Novembre 2017 15:33 Written by

Al Sindaco di Policoro
I sottoscritti consiglieri comunali Gianni Di Pierri, Carmine Agresti e Giuseppe Maiuri,
PREMESSO
che le notizie relative agli episodi di inquinamento con sostanze altamente cancerogene (cromo esavalente, idrocarburi, trielina etc.) verificatisi, in particolare a far data dal 2015, presso il centro Itrec - Enea della Trisaia, e più volte pubblicamente denunciati da parte di cittadini ed associazioni, sono state ampiamente confermate e meglio precisate direttamente dalle aziende ed enti a vario titolo interessati alle operazioni di bonifica del relativo sito (Sogin, Arpab, Asl, Enea, Ispra), da ultimo nel consiglio comunale aperto tenutosi in Policoro in data 20.11.2017, ove – però - si è addirittura parlato di “inquinamento storico” – verosimilmente ancora in corso - e sono emersi dati preoccupanti anche relativamente all’inquinamento delle acque marine;
CONSIDERATO
che le cause che sembrano essere a fondamento degli episodi inquinanti del 2015 non sono state ancora – incredibilmente - accertate (“probabilmente” la contaminazione deriverebbe, in qualche modo, dall’abbandono trentennale del cd. impianto Magnox, presente nel sito, dismesso sin dal 1987 ed a suo tempo adibito alla produzione di combustibile nucleare per alimentare la centrale nucleare di Latina), né è stata verificata la portata e l’estensione effettiva degli stessi;
CONSIDERATO ALTRESI’
Che – ad oggi - non sono stati forniti dati e tempi certi sulle operazioni di bonifica del sito Itrec ove peraltro è in corso di costruzione un deposito per lo stoccaggio “provvisorio” di scorie nucleari già custodite presso il medesimo sito;
CONSIDERATE INFINE
le gravissime ripercussioni che simili episodi possano aver causato e causare ancora al territorio circostante ed alla salute degli esseri viventi ivi stanziati,
Tanti premesso e considerato, i sottoscritti
CHIEDONO
che Codesto Comune, a tutela della salute e della incolumità pubblica, proceda senza indugio ad inoltrare rituale esposto - denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera, affinché vengano valutate e perseguite le eventuali ipotesi di reato ravvisabili nei fatti in oggetto (ed in particolare per gli artt. da 452 bis a nonies c. p.) ed adottate le misure più idonee ed immediate ad impedire il propagarsi del fenomeno.
In caso contrario è da ritenere che si configuri una grave omissione che poco si addice ad un’amministrazione locale che intenda davvero agire con trasparenza nell’interesse della collettività.
Vi invitiamo – di conseguenza - a volerci dare cortese notizia dei Vostri intendimenti con la doverosa precisazione che, in assenza di riscontro, decorsi giorni 5 dalla ricezione della presente, procederemo noi ad inoltrare l’esposto in argomento.
Ci scusiamo per aver sottratto, con queste poche righe, altro tempo prezioso alla Vostra attività e naturalmente, senza il minimo intento di accaparrarci meriti non nostri ma con la sola finalità di intervenire seriamente per risolvere il problema, restiamo a disposizione per ogni necessità ed evenienza.

Popular News

Dodici persone sono state denunciate a vario titolo nell'ambito di…
“Il sistema di Trasporto Pubblico Locale extraurbano e urbano rischia…
Nell’ambito dell’intensificata attività di controllo economico del territorio, disposta nella…
Con le accuse di tentato furto di un'auto, resistenza e…

Policoro, Consiglio comunale aperto sull'Itrec: approvata mozione sul monitoraggio e sul tavolo della trasparenza”

Giovedì, 23 Novembre 2017 10:25 Written by

Si è svolto lunedì pomeriggio presso la Sala Consiliare del Comune di Policoro il Consiglio Comunale aperto, presieduto dal Presidente Avv. Domenico Ranù, avente come punto all’ordine del giorno: “Centro Enea –Trisaia: problematiche ambientali e interventi per la messa in sicurezza”.

Giornata mondiale delle vittime della strada, i dati della provincia di Matera

Venerdì, 17 Novembre 2017 13:05 Written by

La Polizia Stradale in prima linea per garantire la sicurezza sulle strade

Scanzano Jonico: spiaggia Terzo Madonna chiusa per erosione in attesa delle barriere soffolte

Giovedì, 16 Novembre 2017 17:41 Written by

Spiaggia chiusa per motivi precauzionali e di sicurezza, ora si attendono interventi tampone e poi le "barriere soffolte" come accaduto a Metaponto Lido

Lotta sindacale, assolti Fabbris e altri 14 contadini. Crolla gran parte dell'impianto accusatorio, condanne solo per "violenza privata"

Giovedì, 16 Novembre 2017 10:30 Written by

Dopo oltre due anni e circa dieci udienze, la corte presieduta dal Presidente De Benedictis (con i giudici Staffieri e Sasso) del tribunale di Matera ha emesso la sentenza per le accuse mosse a Gianni Fabbris (coordinatore nazionale di Altragricoltura) ed altri 14 contadini del movimento.