Giovedì, 21 Settembre 2017

Latest News

LIBRI - “Alberi e uomini” vince il Premio Internazionale Nitti

Venerdì, 08 Settembre 2017 08:43 Written by

"Alberi e uomini", un titolo forte ed evocativo con cui Andrea Semplici, insieme alla curatrice Daniela Scapin, raccoglie lo spirito di ciò che avviene in Lucania fra i giorni della Pasqua e il settembre che annuncia i venti dell'autunno. Giornalista e scrittore, dopo aver viaggiato in Africa e America latina, si innamora della nostra Basilicata e dei suggestivi riti arborei che sopravvivono nel territorio lucano. Da questo colpo di fulmine nasce un libro intenso, fatto di foto e racconti, che celebrano, in un'euforica e faticosa eccitazione, piccole e grandi feste degli alberi.

CINEMA - Venezia74: sbarca al lido il progetto Basilicata Movie Tourism – South Culture Routes

Venerdì, 08 Settembre 2017 08:20 Written by

Un’affollata conferenza stampa ha accolto la presentazione del progetto Basilicata Movie Tourism che è stata ospitata nello spazio Fondazione Ente dello Spettacolo presso l’ Hotel Excelsior e moderata da Angela Prudenzi. Un progetto, con capofila la Regione Puglia,che vede per la prima volta cinque Regioni del Mezzogiorno d’Italia promuovere  un progetto comune e condiviso centrato su un prodotto a scala multiregionale da presentare sul mercato internazionale e dotato, proprio per le sue intrinseche caratteristiche, di elevati connotati di destagionalizzazione.

Colobraro -L'edizione dei record

Venerdì, 08 Settembre 2017 08:08 Written by

Al bilancio della VII edizione di "Sogno di una notte a quel paese" - A “quel paese” un sogno da record

Oltre ventimila presenze per la VII edizione di “Magico e Fantastico” a Colobraro

I sogni sono ancora più belli quando si realizzano. E per il settimo anno a Colobraro “Il sogno di una notte a quel paese” si conferma una splendida realtà. Appena conclusa l’edizione 2017 del viaggio tra “Magico e Fantastico”, per il sindaco Andrea Bernardo- a cui va il merito di aver creduto in un’impresa per molti impossibile- è tempo di bilanci. Il percorso teatralizzato, scritto e diretto da Giuseppe Ranoia, è riuscito a superare sé stesso. Con oltre ventimila presenze, il folto drappello di monachicchi, masciare, lupi mannari e morti parlanti che popola le vie del borgo durante la rappresentazione, è riuscito a battere il record di visitatori fatto registrare nella passata edizione, confermandosi il primo macroattrattore di Basilicata.

 

“Merito di una organizzazione ormai collaudata – commenta soddisfatto Bernardo- Siamo felicissimi del riscontro che l’evento continua a riscuotere. Per noi si tratta di una riconferma che ci gratifica di tutti gli sforzi compiuti da una squadra che si avvale del contributo di centinaia di persone” . Accanto ai circa trenta figuranti (tutti attori non professionisti, fatta eccezione per Emanuele Asprella), infatti, lavorano altrettanti volontari, tra addetti alla sagra, al mercatino dell’artigianato locale e alle visite guidate al Palazzo delle Esposizione, dove è allestita la mostra fotografica “Con gli occhi della Memoria” di Franco Pinna, il fotografo che accompagnò De Martino nei suoi viaggi in Lucania, insieme alla mostra su “La Civiltà contadina” e “La casa contadina”. Ma lungi dal cullarsi sugli allori il primo cittadino di Colobraro è già al lavoro per l’ottava edizione. “Il rinnovato interesse di antropologi e ricercatori nei confronti di Colobraro- spiega Andrea Bernardo- è uno stimolo a migliorare ulteriormente la nostra offerta culturale.

 

Certo un primo e decisivo traguardo lo abbiamo già raggiunto: essere riusciti a ribaltare con il percorso attraverso il “Magico e Fantastico”, l’immeritata nomea che faceva di Colobraro il paese della sfortuna. Una cattiva fama nata da una leggenda che ci siamo divertiti a raccontare con leggerezza e una buona dose di autoironia”. Una formula che ha attirato non solo un numero crescente di visitatori, ma anche l’attenzione dei media nazionali e internazionali. “Quest’anno- conferma Bernardo- accanto agli articoli sulla stampa nazionale, a cui eravamo in un certo qual modo abituati, si è aggiunta la piacevole visita delle telecamere del programma di Rai 1 “La vita in diretta” e di Rai Com, che trasmette all’estero. La sfida, adesso, è trasformare la curiosità momentanea per Colobraro in un interesse vero e più duraturo per la ricca e straordinaria storia del nostro borgo, che non è solo certa mitologia alimentata dalle pagine di De Martino”.

AL VIA A BERNALDA TERRAMARE, IL PRIMO CINECAMP EUROMEDITERRANEO DI RETE CINEMA BASILICATA

Giovedì, 07 Settembre 2017 14:45 Written by

Si è svolta questa mattina nel Chiostro del Municipio di Bernalda, alla presenza dell’assessore alla Cultura Domenico Calabrese e del presidente di Rete Cinema Basilicata Antonello Faretta, la conferenza stampa di presentazione del progetto Terramare, il primo Cinecamp Euromediterraneo, ideato e prodotto per Matera2019 Capitale Europea della Cultura, che si terrà da domani 8 settembre fino al 10 nella Sala Incontro in via Cairoli.

Popular News

Un programma ricchissimo, che crede nella qualità della proposta filmica…
L’Antigone di Sofocle è la prima tragedia classica del programma…
"Alberi e uomini", un titolo forte ed evocativo con cui…

SCUOLA - L'Istituto "Torraca" di Matera presenta il suo Diario

Mercoledì, 06 Settembre 2017 10:14 Written by

Si terrà mercoledi 06 settembre 2017, nella sede di Via Moro 6 dell’Istituto Comprensivo Ex S.M. “Torraca” la Cerimonia di Inaugurazione dell’anno scolastico 2016/2017 e la presentazione del diario di Istituto.

Al via le riprese di "Acquario", corto prodotto dalla società lucana Mediterraneo Cinematografica

Domenica, 03 Settembre 2017 11:47 Written by

Inizieranno il 5 settembre le riprese del cortometraggio "Acquario", che segna l’esordio alla regia di Lorenzo Puntoni, giovane toscano classe ’86, diplomato presso l’Accademica dell’Immagine di L’Aquila.

Lucania Film Festival, successo per la cinque giorni di lavori

Lunedì, 14 Agosto 2017 09:24 Written by

Calandriello: “Il nostro cinema genera bellezza”

BENDETTO CROCE: DIARIO DI UN PELLEGRINAGGIO

Lunedì, 14 Agosto 2017 09:14 Written by

VALSINNI: Continua il grande successo di critica e di pubblico per “L'Estate d'Isabella” la manifestazione estiva dedicata alla poetessa Morra che si svolge nel centro storico dell'antico feudo di Favale (odierna Valsinni) e che giunge quest'anno alla sua XXVII edizione. Ogni sera centinaia di visitatori si addentrano nei vicoli del Borgo medioevale per un viaggio nella memoria e nel sogno. Fino al 2 settembre in programma visite al castello baronale, animazione dei menestrelli, rappresentazioni teatrali e cenacoli sotto le stelle. Tra gli spettacoli in cartellone la novità di quest'anno è rappresentata dall'opera “Benedetto Croce: diario di un pellegrinaggio”, scritta da Gennaro Olivieri, anche presidente della Pro Loco, per la regia del noto attore lucano Erminio Truncellito (nelle vesti anche di Benedetto Croce), in scena ogni mercoledì e domenica con inizio alle ore 20.30 nel teatro posto ai piedi del castello. Carmen Chierico presta il volto a Isabella, mentre gli arrangiamenti musicali e la voce sono di Livio Truncellito. Un omaggio dunque al critico che ha riscoperto la poesia morriana e donato a Isabella quella fortuna letteraria che invano ella ha sperato di ottenere in vita dalla pietà di un re Francia. Una rappresentazione fluida e commovente nella quale vengono alternate parti recitate, lettura di poesie e musica. Una scenografia scarna ma di molto effetto a testimoniare la semplicità dei luoghi visitati e delle persone conosciute dal Croce a Valsinni. Un'orchestra posta ai margini del palcoscenico suona melodiose note mentre il critico illustra il suo viaggio sentimentale “da Napoli a Valsinni, sulle orme di Isabella Morra” e mentre scorrono scene di vita quotidiana che si svolgono in casa Morra. Molto bravi gli attori, un gruppo affiatato di animatori che da anni formano una squadra per far rivivere le vicende umane e poetiche di Isabella, ragazzi che esprimono con gesti e parole un forte senso di appartenenza al loro paese. È proprio questo paese che Benedetto Croce visitò nel novembre del 1928 con l'intento di “vendicare la povera vittima”. Scrive nel suo libro “Isabella Morra e Diego Sandoval de Castro”, i cui brani più significativi sono recitati sul palcoscenico: “ed io ho voluto recarmi nei luoghi dove fu vissuta quella breve vita e cantata quella dolorosa poesia”. “Il Croce non è venuto a Valsinni per trovare nuovi documenti” dichiara Gennaro Olivieri “ma per appagare un suo intimo desiderio, vedere di persona i luoghi dove ha vissuto Isabella e che sono cantati nelle sue poesie. E questo è proprio lo spirito del parco Letterario, quello di invogliare la gente a visitare i luoghi morriani”. Il Croce ha, senza dubbio, anticipato il concetto di Parco Letterario, richiamando l'importanza di un artista la cui vita e le opere sono indissolubilmente legate e ispirate dal luogo natìo. La poesia viene utilizzata come chiave di lettura del territorio. Per informazioni sul cartellone estivo e sulle visite guidate, contattare il Centro visite della Pro Loco: tel 0835.817051, mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; fb: pro loco Valsinni. Sito: www.parcomorra.it.

Comune di Colobraro