Sabato, 16 Dicembre 2017

Scanzano Jonico: spiaggia Terzo Madonna chiusa per erosione in attesa delle barriere soffolte

Scanzano Jonico: spiaggia Terzo Madonna chiusa per erosione in attesa delle barriere soffolte Featured

Spiaggia chiusa per motivi precauzionali e di sicurezza, ora si attendono interventi tampone e poi le "barriere soffolte" come accaduto a Metaponto Lido

E' una di quelle vicende che interessano il territorio Metapontino che verrebbe voglia di “copiare e incollare” i vecchi articoli in materia e pubblicarli a testimonianza di quanto in realtà poco si è fatto in questi anni: si tratta dell'erosione costiera e dei danni che provoca. Come quasi sempre accade, i giornali locali e le associazioni sono stati fra i primi, insieme con gli operatori economici dei territori direttamente interessati, a denunciare la questione che ora investe Scanzano Jonico, con esattezza la spiaggia di Terzo Madonna. VIDEO

In sostanza, a Scanzano Jonico, un pezzo di spiaggia non esiste più e con esso le attività economiche e buona parte delle opere infrastrutturali realizzate: quelle più recenti riportate in un cartello “Fesr Basilicata 2007/2013” e pari a 243.160, 57 euro per “lavori di sistemazione, miglioramento e messa in sicurezza delle strade rurali in località Terzo Madonna e “Criminale”. L'intervento fu finanziato con delibera di Giunta regionale 1515 del 4 dicembre 2013.

Oggi, il primo cittadino di Scanzano Jonico, Raffaello Ripoli, in un comunicato stampa ha annunciato che “con determinazione dirigenziale del 06.11.2017, il dipartimento infrastrutture della Regione Basilicata, con a capo l'assessore Nicola Benedetto, ha approvato l'elenco degli interventi del Rendis per la mitigazione del rischio idrogeologico”. E, ancora: “In detto elenco, grazie all'impegno profuso in questi mesi dall'amministrazione comunale, è stato ammesso a finanziamento, salendo vertiginosamente sino al quarantesimo posto in graduatoria, il che dà assoluta certezza di immediato finanziamento, l'intervento per contrastare e risolvere definitivamente il problema dell'erosione costiera al lido Terzo Madonna. La somma stanziata è pari a 7.580.000,00 euro (settemilionicinquecentottantamila euro). L’intervento prevede la realizzazione di barriere soffolte che consentiranno di risolvere definitivamente il problema erosione, come hanno dimostrato recenti studi sull'efficacia delle stesse, già installate sperimentalmente in quel di Metaponto”.
Dunque, come fu per Metaponto alcuni anni fa, il rimedio è quello delle barriere soffolte: sarà veramente la volta buona?
Nel frattempo, questa mattina, per ragioni di sicurezza l'accesso al parcheggio antistante la spiaggia è stato chiuso su richiesta dell'Amministrazione cittadina, come confermato dallo stesso sindaco.

LA “LISTA DELLE COSE DA FARE” E GLI INTERVENTI RICHIESTI ALLA REGIONE

Nella “lista delle cose da fare” (e finanziare) ci sono anche altri interventi richiesti alla Regione: “Chiediamo un ulteriore piccolo sforzo per l'intervento temporaneo ed urgente, con i massi da posizionarsi lungo la battigia, che servirà a tamponare l'emergenza, in attesa della realizzazione delle barriere che prevedono una tempistica piuttosto lunga”, ha spiegato Ripoli. E, ancora: “Magari si potrebbe utilizzare una piccola parte della somma stanziata con il Rendis per realizzare l'intervento più urgente. Va segnalato, altresì, che nella stessa determinazione dirigenziale sono stati ammessi a finanziamento altri due interventi e più precisamente lavori di ripristino dell’officiosità idraulica del fiume Cavone per 700.000,00 euro (settecentomila) e lavori di ripristino officiosità idraulica e ricostruzione argini bacino del fiume Agri per 13.000.000,00 di euro (tredicimilioni), sia in territorio di Scanzano che in quello di Montalbano. I progetti saranno illustrati nel corso di un incontro che si terrà martedì 21 novembre alle ore 18.00 presso la sala consiliare, alla presenza dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Nicola Benedetto. Cogliamo questa occasione per informare, infine, la cittadinanza che in data 26.10.2017 abbiamo impegnato delle somme per completare gli interventi di manutenzione della pubblica illuminazione, interventi che saranno effettuati a brevissimo”.
Fra gli interventi invece già realizzati in materia di sicurezza, il consolidamento della sponda del canale Fosso Valle che nel 2013 non ha retto alla forte corrente causata da abbondanti piogge, in quella circostanza l'acqua invase sia il centro cittadino che la Statale SS 106 Jonica. La sponda è stata riparata lo scorso anno, l'intervento era già stato in precedenza finanziato.

Gianluca Pizzolla

Read 968 times
Rate this item
(0 votes)

About Author