Sabato, 21 Ottobre 2017

Banchi di Prova - Senti la Krikka come te le suona

Banchi di Prova - Senti la Krikka come te le suona Featured

BERNALDA - Si chiama “Banchi di Prova” e come tale, non poteva che trovare terreno fertile alle Elementari. Si chiama “Banchi di Prova” ed è un’idea nata, sponsorizzata e “reggata” direttamente dalla Krikka Reggae. Sì, proprio loro, lo storico gruppo bernaldese che da 15 anni a questa parte “te le suona” ovunque ci siano palchi, piste e piazze da riempire con note di quelle... “veraci”, quelle di “BernaldaBella”.

Ma cosa sono questi “Banchi di Prova”? Vortici di note, anzitutto. Note chiamate a fuoriuscire dalle finestre dalle quinte classi della Scuola Elementare di Bernalda. Sono testi, testi di canzoni nate, per esempio, per finanziare attivitá culturali all'interno dell’Istituto bernaldese. Perché no?!

Lesson Number One: le origini. Era il 6 maggio e con tante penne e (pochi) calamai, suonata la campanella, iniziava la prima lezione della Krikka. E, al grido di “Di che cosa parla veramente una canzone?”, si scelgono tema, ritornello e strofe tali da far pendant con melodie accattivanti; melodie di quelle, per intenderci, buone a martellarti orecchie, a tarlarti il cervello per una primavera-estate ed anche più. Un tormentone, insomma, per dirla alla… Despacito.

 

E mentre i cugini americani, i tormentoni, se li creano con le app (http://www.navigaweb.net/2013/02/app-per-trasformare-parole-in-musica.html), in Italia i talenti, si coltivano. A pane e diamonica.

Così se l’idea si imbatte in una chiave di basso, se la melodia incontra un grembiule succede che non sempre si finisce allo Zecchino d’Oro. E non a tutti i bambini piacciono... ste “tagliatelle” (di nonna Pina, ndr)”. Alcuni incontrano la Krikka, solita - baudianamente parlando - andarsi a prendere i talenti a km0, tra i banchi di scuola.

 

E che i “reggatori” bernaldesi abbiano deciso di investire nei giovani è acclarata storia, è... “Na Storia”, appunto, il cui ritornello fu affidato a Little Vincenzo. Vincenzo, il dolce bambino che ritroveremo - in formato non più... “little”- in “Voglia di Vivere”.

Era un anno fa, era il tempo delle… trivelle e fu quel microclima che favorì il proliferare dell’intolleranza dei No Triv Posse, altro frutto neanche tanto proibito della Krikka. “Voglia di vivere”, oggi, conta più di 11mila visualizzazioni su YouTube. Ed è sempre la Krikka ad accogliere (notizia di questi giorni) la diversamente splendida abilità di Roberto Scasciamacchia, cresciuto a Bosso e Scientifico. Roberto: cuore, corde ed una chitarra, chiamata a battere la sua personalissima… voglia di vivere.

 

Ma tornando ai grembiulini, in attesa di… contare, cantare le melodie dei “Banchi di prova”, per ora cediamo la linea allo studio, di registrazione. E, mai come ora, #stayTuned, #stayMet.

alba gallo

Read 1475 times Last modified on Giovedì, 18 Maggio 2017 16:11
Rate this item
(2 votes)