Giovedì, 27 Aprile 2017

“A pazziella s’è rotta”, a Marconia il 4 marzo

“A pazziella s’è rotta”, a Marconia il 4 marzo Featured

“A pazziella s’è rotta”, che si terrà sabato 4 Marzo presso il Cineteatro “Luchino Visconti” di Marconia. In particolare nell'occasione si svolgeranno due spettacoli, il primo alle 19 ed il secondo alle 21. Questi nuovi appuntamenti con la Compagnia “Tra sipario e realtà” sono stati fissati in seguito al grande successo riscosso a Pisticci, presso l'Auditorium Cristo Re e presso il Liceo Classico nell'ambito del tour nelle scuole.

MARCONIA. "La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande." Con queste splendide parole del filosofo tedesco Gadamer, la Compagnia Teatrale “Tra Sipario e Realtà” presenta la commedia teatrale “A pazziella s’è rotta”, che si terrà sabato 4 Marzo presso il Cineteatro “Luchino Visconti” di Marconia. In particolare nell'occasione si svolgeranno due spettacoli, il primo alle 19 ed il secondo alle 21. Questi nuovi appuntamenti con la Compagnia “Tra sipario e realtà” sono stati fissati in seguito al grande successo riscosso a Pisticci, presso l'Auditorium Cristo Re e presso il Liceo Classico nell'ambito del tour nelle scuole.
Si tratta di un evento unico, in quanto è il primo appuntamento teatrale in programma presso il Cineteatro di Marconia. I biglietti sono disponibili in prevendita a Marconia presso ‘La tappezzeria’ via Firenze di Grazia Torraco e ‘Dolci pensieri’ piazza Elettra di Enza e Maria Teresa Roseto ed a Pisticci presso “Sanchirico spettacoli” in via Regina Elena n. 28.
Il lavoro è liberamente tratto dalla commedia in tre atti di Salvatore Macri, ambientata durante la Restaurazione borbonica, dopo la sfortunata fine della Repubblica Napoletana del 1799. La vicenda propone l’etica del XVIII secolo per lo più superstiziosa, libertina e bigotta, con cui le classi nobili tendevano a dominare sulle cosiddette classi inferiori. Con ironia e comicità vengono esplorati due mondi : quello dei Nobili pronti a sottomettere gli umili con il proprio potere ( i personaggi sono: Teresa Capece- Contessa di Aversa impersonata da Nunzia Marrese, Gesualdo- Marchese delle Rose impersonato da Francesco D’onofrio, Caracciolo- Cerimoniere impersonato da Giovanni Falotico, Donna Nella- Dama di corte impersonata da Antonella Catapano, Ferdinando-Re di Napoli impersonato da Sante Marchitelli) e quello degli umili con Emanuela Quinto che vestirà i panni di Carmela- la domestica. L'ignoranza e la falsa cultura, come il ricorso alle arti magiche, erano diffuse. In merito, è importante il personaggio di Sofia Pedicini-Duchessa di Benevento nella persona di Nunzia Vitale. Una commedia avvincente e divertente, ricca di colpi di scena che lo spettatore scopre solo battuta dopo battuta, lasciandosi rapire dalla realtà per immergersi in un universo magico colmo di risate . Oltre che per le abilità degli interpreti la riuscita della rappresentazione teatrale è dovuta anche al prezioso lavoro di Marirosa De Nittis, Francesco Lenzi e del Direttore Artistico Vincenzo Sanchirico.

Read 427 times
Rate this item
(0 votes)

Per la tua pubblicità su questo sito