Martedì, 30 Maggio 2017

TRASPORTI - Benedetto a FFSS: insufficienti gli investimenti in Lucania

TRASPORTI - Benedetto a FFSS: insufficienti gli investimenti in Lucania Featured

Un appello è stato rivolto dall’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Basilicata Nicola Benedetto ai rappresentanti di Governo lucani e ai parlamentari di tutti i partiti eletti in regione perché il nuovo Piano industriale 2017-2026 del Gruppo Ferrovie dello Stato sia rivisto e tenga conto delle esigenze di mobilità ferroviaria, intermodale ed integrata delle comunità lucane.

 

Benedetto sottolinea che il piano che contiene investimenti rilevanti (94 miliardi di euro di 10 anni) di fatto esclude la Basilicata da ogni intervento limitandosi ai servizi Freccialink da incrementare contestualmente all’impiego del Frecciarossa sulla linea Salerno-Potenza-Ferrandina, entrambi sicuramente utili ma non certamente esaustivi rispetto alle esigenze che la Regione ha posto oltre che a Fs al Ministero alle Infrastrutture e al Governo. In proposito, dopo le prove tecniche effettuate nelle scorse settimane, con esito positivo – precisa l’assessore – siamo sempre in attesa dei provvedimenti conseguenti da parte dell’amministratore delegato di Trenitalia, Barbara Morgante, per attivare il Frecciarossa che consenta la velocizzazione dei collegamenti da e per Roma  e di sfruttare l’alta velocità per arrivare anche a Bologna, Firenze e Milano.

Il piano Fs – continua Benedetto – non prevede alcun intervento inteso a rafforzare  il ruolo del servizio di trasporto pubblico ferroviario regionale, così come intendiamo fare attraverso il nuovo Piano Regionale Trasporti in dirittura d’arrivo mediante un progetto di integrazione dei servizi ferroviari con quelli automobilistici e la completa attuazione degli investimenti già avviati di ammodernamento ed efficientamento infrastrutturale ed impiantistico delle reti ferroviarie per  connettere la Basilicata ai principali nodi trasportistici della rete ferroviaria nazionale. Nello specifico abbiamo bisogno di interventi strategici sulla direttrice Salerno-Potenza, fondamentale per il collegamento all’Alta Velocità (Freccia Rossa), il prolungamento a Taranto dei Servizi alta velocità attualmente attestati a Salerno, interventi sulla direttrice jonica di collegamento per Reggio Calabria, di un progetto di fattibilità per il completamento della linea ferroviaria Ferrandina – Matera, oltre al completamento dei lavori di ammodernamento del corridoio ferroviario Potenza-Matera-Bari FAL con la velocizzazione dei collegamenti tra Matera-Altamura-Bari.

Secondo l’assessore il documento di programmazione Fs confligge con gli obiettivi posti alla base del PRT 2016-2026 che sono così sintetizzabili:  integrare la Basilicata nel sistema delle reti europee nazionali per il trasporto di passeggeri e merci; consolidare il ruolo di regione cerniera e promotrice di integrazioni interregionali tra i territori dell'Italia meridionale; mettere a punto un sistema multimodale che garantisca adeguati e sostenibili livelli di mobilità a supporto della coesione interna e del riequilibrio territoriale.

Senza investimenti delle Ferrovie dello Stato e comunque nazionali – continua Benedetto – non sarà possibile realizzare quel sistema dei trasporti basato sull’integrazione delle reti di trasporto in una logica di interscambio e di sostenibilità tecnica ed economica, che intendiamo perseguire.

Di qui l’appello ai rappresentanti di Governo lucani e ai parlamentari di tutti i partiti eletti in regione per definire una strategia comune che metta i vertici di Fs nelle condizioni di ridiscutere e rivedere il piano secondo le proposte in parte contenute anche nel Patto per il Sud-Patto Basilicata nella parte riferita alle infrastrutture e al superamento della storica arretratezza dei settori trasporti e collegamenti viari. 

Read 362 times Last modified on Venerdì, 30 Settembre 2016 09:10
Rate this item
(0 votes)

Per la tua pubblicità su questo sito