Il Metapontino

Oggi: 24-04-2014 , 07:37

Ultimo aggiornamento:10:01:51 PM GMT

Social You Tube Feed RSS Twitter Facebook
Sei in: Cronaca
26/04/2013

CRONACA

Alluvionati nuovo ultimatum: 'Senza ordinanze pronti a sederci sulla SS 106'

Scrivi e-mail Stampa PDF

SCANZANO – Da mercoledì “seduti” sulla Jonica per bloccare il traffico in entrambi i sensi di marcia. Non c'è solo la crisi di Governo. C'è da 9 mesi anche la crisi delle persone – gli infangati - che dal 2 marzo scorso, nell'area del Metapontino – Ginosino, hanno perso le aziende a causa delle esondazioni. In quest'arco di tempo, privo di risposte reali,   in molti hanno dormito fuori perché le loro case sono state invase dall'acqua del Bradano o del Basento. Gli imprenditori agricoli danneggiati devono continuare a pagare i mutui accesi e le scadenze con il Fisco. Altri rischiano di finire nella morsa degli usurai.

Come ha ricordato questa mattina Gianni Fabbris nel corso della conferenza stampa tenuta al presidio lungo la SS 106 Jonica, all'altezza dell'ex museo di Metaponto. E dove da mercoledì - dopo l'assemblea prevista in mattinata e a cui saranno invitati i sindaci, le due province, Matera e Taranto, e le regioni, Puglia e Basilicata - se non dovessero giungere le notizie attese, potrebbe scattare il blocco totale della circolazione in entrambi i sensi di marcia (Taranto e Reggio Calabria). Azioni fortissime

Policoro. La protesta pacifica delle maestre di Via Colombo. Giovedì tavolo di trattativa

Scrivi e-mail Stampa PDF

POLICORO - Con due mesi di ritardo, il primo giorno di asilo in Via Colombo a Policoro ha visto oggi la protesta di alcune maestre che hanno occupato le aule e di fatto impedito l'ingresso dei bambini. La ragione è che, contrariamente a quanto stabilito dall'art. 7 del contratto di appalto che garantiva come precondizione la salvaguardia di tutti i  posti di lavoro, per loro non c'è stato rinnovo.

La lunga attesa delle salme di Luca e Marirosa. Mamma Olimpia: ''Da oggi sarà battaglia''

Scrivi e-mail Stampa PDF

POLICORO – Ore di attesa penosa e sofferta per le famiglie Orioli e Andreotta. Le salme dei loro cari, Luca e Marirosa, sono state ricondotte questo pomeriggio intorno alle 14.30 al cimitero di Policoro dopo circa un anno di “permanenza” nell’istituto di medicina legale dell’Università di Bari, dove erano a disposizione dell’anatomopatologo Francesco Introna, consulente d’ufficio della Procura di Matera che ha effettuato su quei resti l’esame autoptico. 

Fidanzatini. Domani le salme dei due ragazzi riportate al cimitero di Policoro

Scrivi e-mail Stampa PDF

POLICORO - Saranno ricondotte domattina al cimitero di Policoro per essere nuovamente seppellite le salme di Luca Orioli e Marisorsa Andreotta. Dopo la seconda riesumazione, avvenuta lo scorso 17 dicembre, erano state condotte all'Istituto di Medicina Legale di Bari, a disposizione dell'anatomopatologo Francesco Introna, per l'esame autoptico.

Alluvionati. ''Risolta la vostra crisi, ora risolvete la nostra che dura da 9 mesi''

Scrivi e-mail Stampa PDF

METAPONTO - Lunedì 14 Novembre alle ore 10,30 presso il presidio delle tavole palatine, è stata indetta una conferenza stampa di presentazione della nuova manifestazione sulla SS Jonica dal 15 Novembre.

Marinagri querelò Frammartino per diffamazione, il Gip archivia

Scrivi e-mail Stampa PDF

MATERA - Il Gip della Procura di Matera, Roberto Scillitani, ha disposto l’archiviazione della querela per diffamazione presentata dalla società Marinagri nei confronti del blogger Ottavio Frammartino rispetto ad un articolo pubblicato sul blog del querelato. (Si può leggere il testo a questo link http://ottavioframmartino.blogspot.com/2011/03/toche-lucane-e-manifestazione-di-libera.html). Il Gip ha ritenuto “infondata”  la querela.

Comitato 'Terre joniche' pronto a riscendere in strada. ''Attendiamo solo di capire chi gestirà il Paese''

Scrivi e-mail Stampa PDF

METAPONTO - Ci stiamo preparando ancora una volta a scendere in strada. Appena sarà chiaro il quadro istituzionale che in queste ore si sta definendo a Roma decisivo per capire chi dovrà gestire il Governo del Paese, senza frapporre nemmeno un minuto saremo di nuovo in strada. Nove mesi di attesa ad inseguire risposte dovute e non date ci sembrano comunque un contributo sufficiente che le comunità lucane e pugliesi colpite dalle alluvioni di Marzo avranno dato alle sorti del Paese. 

SCANZANO. Spacciava cocaina a pochi passi dal commissariato di polizia, arrestato.

Scrivi e-mail Stampa PDF

SCANZANO - Lo hanno arrestato con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti la notte di venerdì a Scanzano, a pochissimi metri di distanza dal Commissariato di polizia. Luca Benedetto, 24enne del posto, e già noto alle forze dell'ordine, è stato trovato in possesso di 6,5 grammi di cocaina, divise in nove dosi.

Questione commissariato. Dopo la relazione del comune nuovo incontro col prefetto.

Scrivi e-mail Stampa PDF

SCANZANO JONICO – E’ stato effettuato giovedì scorso, 10 novembre il sopralluogo all’interno del commissariato di polizia di Scanzano per visionare le criticità strutturali del locale. Hanno partecipato il sindaco Iacobellis, l’ufficio tecnico del comune e il coordinamento del comitato Pro Commissariato.

Carabinieri arrestano 37enne a Marconia per violazione obbligo di soggiorno

Scrivi e-mail Stampa PDF

MARCONIA - Nel corso della nottata, il personale del Comando Stazione Carabinieri di Marconia, insieme a quelli della Compagnia di Pisticci, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di carcerazione, emessa dalla Procura della Repubblica di Matera, a carico di un  pregiudicato Pisticcese D.G. di anni 37, abitante nella Frazione di Marconia.

Ad 8 anni dalla protesta, il 27 novembre convegno sul nucleare a Scanzano Jonico

Scrivi e-mail Stampa PDF

SCANZANO JONICO - In occasione dell’ottavo anniversario della protesta contro l’ipotesi di realizzare nel novembre 2003 a Terzo Cavone in Scanzano J.co, un deposito di scorie nucleari, l’Ass. ScanZiamo le Scorie vuole ricordare la civile e ferma lotta dei lucani che provocò il ritiro del famigerato D.L. n. 314/03. L’occasione si rende più propizia anche perchè è ancora fresco il ricordo del vittorioso referendum del giugno 2011 che ha sancito la definitiva sconfitta di ogni ipotesi di ritorno al nucleare in Italia e provocando l’ormai irreversibile scelta di un nuovo modello nazionale di sviluppo, fondato sulla promozione di politiche rivolte al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

Pagina 186 di 278

Banner
Banner
Banner
Banner
Sostienici Valuta:   Importo: